Fernanda ed io

14 gennaio 2019 - Maison des Anciens Remèdes - 20h30

Storia di un viaggio in bicicletta

Daniele Vallet presenta il suo libro:

FERNANDA ED IO - STORIA DI UN VIAGGIO SOLITARIO IN BICICLETTA

Lunedì 14 gennaio 2019  alle 20.30

Ingresso gratuito - Prenotazione obbligatoria 

Bloccato da un sistema che attraverso pregiudizi e desiderabilità sociali richiede certi tipi di atteggiamenti e comportamenti; ad un certo punto Daniele decide che è giunta l'ora di fermare, almeno per lui, questi schemi sociali che impediscono all'Essere Umano di realizzarsi veramente.   Va così a cercare ciò che di più caro appartiene al nostro genere: la libertà! Inizia il suo percorso di trasformazione, lungo un continuum che è decollato tanti anni fa e che tuttora continua&

Esplorazioni psicocorporee, pratiche spirituali e meditazione: tutto entra a far parte del suo processo trasformativo. Si interroga sul Senso attraversando le grandi catene himalayane, ma anche la nostra bella Italia, dagli Appennini alle Alpi, dal mare alle vette. I mezzi più usati? Beh quelli senza motori: i piedi e la bici perlopiù in solitaria; perché proprio la solitudine lo porta a contattare quella parte più vera del Sé.

E tali insegnamenti, appresi mescolando ed incrociando vari approcci, culture e religioni egli cerca di trasmette come uno dei possibili modelli finalizzati all'integrazione con la Madre Terra.

In modo divertente, leggero e scherzoso, ma allo stesso tempo profondo scrive questo libro per raccontare un mondo dove realmente si possono percorrere centinaia di chilometri in bici, alla scoperta di tradizioni, luoghi e genti partendo da dentro. Il movimento lento, caratteristico della bici usata non a fini agonistici, ti costringe a guardare e conseguentemente a conoscere, da una prospettiva completamente diversa rispetto a quella imposta dai mezzi a motore.

Con questo spirito mette in evidenza come l'universo remi a favore proprio perché riesce a stare nell'assenza di sforzo, nella possibilità di lasciarsi guidare da ciò che spontaneamente emerge giorno dopo giorno, ora dopo ora.

Tutto questo gli fa sperimentare un senso di appagamento, di gratitudine che lo portano a lanciare ringraziamenti alla rinfusa intorno a lui.

Questo libro non diventa, quindi, un diario tecnico di percorsi stradali alternativi né una guida turistica, ma un pezzettino di crescita personale condivisa: ognuno la può emulare.

Un inno a Fernanda insomma, che diventa l'emblema della bicicletta, colei che può avere un ruolo completamente diverso nella nostra vita, producendo benessere ed euforia.

 

Alessia Mazzolini Polonia

Psicologa, Psicoterapeuta

 corporea Reichiana

News e eventi

Eventi

Vedi tutti
16
GIU
Jardin des Anciens Remèdes
01
LUG
Maison et Jardin des Anciens Remèdes

Erbe di montagna

La genziana è una pianta erbacea perenne, di a...