Rododendro

(Rhododendron ferrugineum L.)Tossico
Impieghi terapeutici: Nessuno

Il rododendro è un cespuglio che cresce in montagna, alto sino ad 1 m, con rami sinuosi e contorti, tendenzialmente ascendenti. La corteccia, di color ocra-bruno con sfumature rossastre, si sfalda in brevi linee longitudinali negli organi legnosi più vecchi. Le foglie sono intere, di forma ellittico-spatolata, con apice arrotondato; la pagina superiore è verde scura e glabra, mentre la pagina inferiore è color ruggine e può essere tomentosa. I fiori sono di color rosso purpureo, raramente rosa pallido. La maggior parte dei rododendri fiorisce nei mesi estivi, dall'inizio di giugno sino alla fine luglio.

NOME LATINO
Rhododendron ferrugineum L.

FAMIGLIA
Ericaceae

ALTRO NOME
Rododendro, Rododendro rosso, Rosa delle Alpi

NOME PATOIS
Reusseuleun (Morgex, Avise, Valgrisenche, Introd), frembitcho (Cogne), framicllio (Charvensod, Ollomont, Pollein, Fénis, Chambave), rosoleun (Saint-Rhémy-en-Bosses), rancignouleun (Saint-Oyen), ressignoleun (Gignod), flòi de Sèn Djan (Saint-Denis), ratéi (Ayas), fiour dou bohc (Brusson), framuhquio (Challand-Saint-Anselme), frame (Pontboset), studò / stude (Gressoney), d'jöipu (Issime), freumeustcho (Fontainemore).

ETIMOLOGIA
Rhododendron deriva dal greco rhodon, che significa rosa e dendron, ovvero albero, ed è da collegarsi al portamento della pianta; l'epiteto specifico ferrugineum deriva invece dal latino ferrugineus, del colore del ferro, ed è probabilmente legato all'aspetto della pagina inferiore delle foglie.

DIFFUSIONE
IIl rododendro è una specie diffusa quasi esclusivamente sulle Alpi e sui Pirenei: cresce sulle rocce e nei luoghi pietrosi, nei pascoli e nei boschi radi, nelle brughiere alpine, preferendo suoli acid. In Valle d'Aosta è frequente in tutto il territorio, da 500 sino a 2700 m, eccezionalmente 3000 m.

PARTI UTILIZZATE
Foglie

TOSSICITA'
La tossicità della pianta è dovuta al contenuto di esteri diterpenici (grayanotossina I).

SINTOMI DI INTOSSICAZIONE

  • Nausea
  • Vomito
  • Ipotensione
  • Brachicardia e alterazione del ritmo cardiaco
  • Formicolio alla estremità
  • Stanchezza
  • Vertigini
  • Perdita di coscienza

USI TRADIZIONALI IN VALLE D'AOSTA
Pianta conosciuta per la bellezza delle fioriture, il rododendro era utilizzato, nel passato, a scopo veterinario: la cenere ottenuta bruciando i fiori era impiegata per curare i dolori alle zampe degli animali domestici.

COLTIVAZIONE
I rododendri sono generalmente coltivati a scopo ornamentale nei giardini rocciosi: il Rhododendron ferrugineum è una pianta acidofila, che necessita di substrati acidi, freschi e umidi, ricchi di sostanza organica, leggermente sciolti, mai compatti. La pianta predilige esposizioni in mezz'ombra o in posizione totalmente ombreggiata, al riparo dal vento.

Ricerca rapida

Eventi

Vedi tutti
18
LUG
Maison et Jardin des Anciens Remèdes
18
LUG
Jardin des Anciens Remèdes - 17.30